5 domande su Echiquier Rinascimento

<< Ritorna all’attualità

5 domande su Echiquier Rinascimento

1. Come possiamo descrivere Echiquier Rinascimento in poche parole?

Echiquier Rinascimento è un fondo di stock-picking investito in small&mid cap italiane ed europee. Lo abbiamo lanciato nell’ambito della recente creazione del PIR, che possiamo paragonare al PEA-PME francese[1], a sostegno dell’investimento di lungo termine nelle PMI italiane. Grazie alle agevolazioni fiscali il PIR si dimostra vantaggioso sia per i risparmiatori che per le aziende. Ci piacerebbe che queste iniziative fossero più numerose!

Il fondo è un prodotto che rispecchia al 100% il DNA di La Financière de l’Echiquier, la sua storica esperienza nello stock-picking, il suo know-how nel segmento delle small&mid cap nonché la sua conoscenza capillare delle aziende. Siamo molto lieti di poter declinare oggi questa esperienza in Italia.

2. Quali sono le caratteristiche del fondo? Prediligete alcuni settori? Alcuni paesi?

Echiquier Rinascimento ricerca le società a forte crescita dovunque esse siano in Europa, ma soprattutto in Italia: è un segmento interessante che racchiude molti progetti belli. Non siamo legati a nessun vincolo settoriale anche se tre settori sono attualmente sovrappesati: i beni di consumo, la sanità e medtech così come la tech, ricchi secondo noi di opportunità. La suddivisione geografica rispetta la normativa sui PIR: il fondo è composto al 70% almeno di azioni di società fiscalmente residenti in Italia o all’interno dello Spazio Economico Europeo e che abbiano una branch in Italia.

Tra i titoli in portafoglio annoveriamo le italiane Cembre, lo specialista dei connettori elettrici con un team e un azionista di maggioranza solidi, e Reply, la società di servizi informatici posizionata sui mercati di nicchia a forte valore aggiunto. Vi troviamo anche il gruppo francese dell’arredamento, Maisons du Monde, o la danese Nets, il leader nei servizi di pagamento in Scandinavia. Sono complessivamente 40 i titoli inseriti in questo portafoglio estremamente concentrato[2].

3. Come selezionate i titoli?

Il nostro processo di gestione, che dà prova di sé da 25 anni, è estremamente disciplinato. Poggia su un’analisi quantitativa e fondamentale rigorosa, con molti criteri di valutazione relativi – tra l’altro – sia alla performance aziendale che alla liquidità. Per poter selezionare le società di medie dimensioni, poco coperte dagli analisti, è essenziale conoscerle bene, così come i loro dirigenti. E’ il motivo dei numerosi viaggi che facciamo costantemente in Europa per approfondire i loro business e le loro strategie a 5 anni.

4. Il 2017 è una buona annata per le mid cap?

Il 2017 dovrebbe essere un’annata buona. Oltre al ritorno dei flussi sulle azioni europee, va evidenziato che le small&mid cap sono particolarmente domestiche, parecchio radicate in Europa e poco esposte agli emergenti. Tra l’altro, il quadro macroeconomico si dimostra in costante miglioramento. Pensiamo che l’equity Europa abbia ancora un forte potenziale da esprimere: le previsioni di crescita per il 2017 sono infatti superiori alle attese. E l’Italia non è da meno!

5. In sintesi, per quali ragioni investire in Echiquier Rinascimento?

È un’opportunità data agli investitori italiani di esporsi a mercati di nicchia in forte crescita ed è anche un ottimo strumento di diversificazione del risparmio che contribuisce, tra l’altro, a dinamizzare l’economia italiana.

 

DISCLAIMER

Le informazioni riportate in questo documento non si configurano quale elemento contrattuale o consiglio di investimento.

L’accesso ai prodotti e servizi qui presentati potrebbe essere assoggettato a limitazioni nei confronti di determinate persone o paesi. Il trattamento fiscale dipende dalle singole situazioni individuali.

Questo fondo è perlopiù investito in azioni. Presenta un rischio di perdita di capitale.

La gestione è discrezionale. Il fondo potrebbe non essere investito in ogni momento nei titoli più performanti.

Il fondo è investito in piccole e medie capitalizzazioni. Sui mercati delle piccole e medie capitalizzazioni, il volume dei titoli quotati in Borsa è limitato, i movimenti di mercato sono quindi più netti al ribasso e più rapidi rispetto alle grandi capitalizzazioni. Il NAV del fondo può quindi scendere più velocemente e in misura maggiore.

Per maggiori informazioni sul fondo presentato e i rischi, Vi invitiamo a consultare il prospetto disponibile dietro semplice richiesta presso la società di gestione al +39.02.36.57.80.80 o a contattare il Vostro interlocutore abituale.

Le spese relative al fondo sono riportate nel prospetto. Le spese correnti sono aggiornate su base annua e disponibili nel KIID del fondo.

[1] Creato nel 2014, riservato alle PMI e Imprese di medie dimensioni europee, e investito al 75 % almeno in azioni di società con meno di 5.000 dipendenti, e il cui fatturato annuale è inferiore a 1.500 milioni di euro o bilancio complessivo a 2.000 milioni di euro.
[2] I titoli citati sono indicativi. Né la loro presenza nei portafogli gestiti, né le loro performance sono garantite